BelarusNews - Portale di Informazione sulla Bielorussia

www.BelarusNews.it

 

Ultimi aggiornamenti alla vigilia delle elezioni in Bielorussia Stampa E-mail
Scritto da Ambasciata della Repubblica di Bielorussia   
Facebook!

Ecco le ultime notizie alla vigilia delle elezioni presidenziali di domani e dopodomani in Bielorussia. Vi ricordiamo che potete seguire lo svolgimento delle elezioni in tempo reale sul nostro portale e sul nostro forum (www.belarusforum.it):

 

  • Osservatori OCSE: calmo l’ambiente delle elezioni in Bielorussia
  • Osservatori CSI: in regola la campagna elettorale in Bielorussia
  • Il Presidente Lukašenka invita i cittadini a votare il giorno delle elezioni
  • Presidente Lukašenka ribadisce necessità di riconsiderare pena di morte
  • Bielorussia, Kazakhstan e Russia fondano lo Spazio economico comune
  • Bielorussia verso abolizione della registrazione di utenti degli internet caffé
  • Sono in arrivo gli exit polls delle elezioni in Bielorussia 
  • Le dogane bielorusse si preparano a introdurre notifica preventiva UE

Osservatori OCSE: calmo l’ambiente delle elezioni in Bielorussia

Secondo la prima relazione intermedia rilasciata giovedì 2 dicembre dalla missione di osservazione elettorale dell’OSCE, l’ambiente in cui si svolge la campagna elettorale in Bielorussia finora è stato calmo e di basso profilo. Secondo il rapporto, le elezioni in conformità alle norme aggiornate della legislazione elettorale bielorussa che, in particolare, ingloba una serie di raccomandazioni formulate in precedenza da parte dell’OSCE/ODIHR e dalla Commissione di Venezia del Consiglio d’Europa. Il rapporto ribadisce in particolare il fatto che il 5 novembre 2010 la Commissione centrale elettorale bielorussa ha adottato due decisioni che consentono agli osservatori rappresentanti dei registrati partiti politici e associazioni pubbliche di partecipare a ogni riunione delle commissioni elettorali e prescrivono che gli osservatori devono essere dotati di una reale opportunità di osservare la procedura di conteggio dei voti. Tra gli altri sviluppi positivi la relazione precisa che i dieci candidati presidenziali sono stati registrati dalla Commissione elettorale centrale in un processo inclusivo. È stato inoltre osservato che la registrazione dei candidati in generale si è svolta in condizioni migliori rispetto alle precedenti elezioni. Le manifestazioni, tra cui anche quella non autorizzata tenutasi a Minsk, si sono svolte senza incidenti. La tv di Stato ha finora rispettato l’obbligo giuridico di fornire tempo di trasmissione gratuito per i candidati che hanno affrontato gli elettori senza censura anche in diretta radiofonica. Alcuni di loro hanno usato l’occasione per criticare fortemente il Governo. In conformità a quanto previsto dal modificato Codice elettorale, sono stati organizzati i dibattiti televisivi tra i candidati. Allo stesso tempo, l’OSCE si attende ulteriori miglioramenti per quanto riguarda una serie di aree della legislazione elettorale bielorussa e le pratiche della sua attuazione. 

 

Osservatori CSI: in regola la campagna elettorale in Bielorussia

La campagna elettorale in Bielorussia sta procedendo in modo regolare e ordinato, si legge nella prima relazione intermedia della missione degli osservatori elettorali della Comunità degli Stati Indipendenti, rilasciata venerdì 3 dicembre 2010. La missione loda gli sforzi delle Autorità bielorusse e della Commissione elettorale centrale volte a garantire il percorso libero e democratico delle elezioni. Secondo il rapporto, le riunioni della Commissione elettorale centrale si caratterizzano da un meccanismo decisionale collettivo, nonché da discussioni libere e aperte; le sessioni vengono annunciate in anticipo e sono frequentate da osservatori internazionali, rappresentanti di partiti politici, società civile e stampa. Il sito web della Commissione viene aggiornato regolarmente e fornisce le informazioni più recenti sulla campagna elettorale. È altresì importante, secondo il rapporto, che ogni candidato alla Presidenza della Repubblica abbia avuto la possibilità di inviare un rappresentante alla Commissione con diritto di voto consultivo. Sette candidati, infatti, hanno approfittato di quest’opportunità. Si svolgono delle apposite sessioni formative volte a far sì che le elezioni possano essere conforme ai più elevati standard democratici. Il rapporto sottolinea che le commissioni elettorali territoriali e circoscrizionali si sono formate entro il termine previsto dalla legge e che vi è stato incluso un maggior numero di rappresentanti dei partiti dell’opposizione. La missione elogia anche il fatto che i candidati presidenziali abbiano avuto pari opportunità alle tappe della nominazione registrazione e campagna elettorale. A tutti loro era offerta l’opportunità di pubblicare i loro programmi elettorali sui quotidiani e parlare in TV e radio, anche nel formato dei dibattiti in diretta tv e radio. Oltre a questo, i candidati hanno possibilità di acquistare con i loro propri fondi un ulteriore tempo di trasmissione e spazio sui giornali. In generale, secondo il rapporto, la campagna si svolge in un ambiente dinamico senza gravi violazioni. 

 

Il Presidente Lukašenka invita i cittadini a votare il giorno delle elezioni

Il presidente della Bielorussia, Aliaksandr Lukašenka, ha invitato i cittadini bielorussi a venire alle urne il giorno delle elezioni. Il capo dello Stato ha fatto questa affermazione parlando in occasione del Quarto Congresso Popolare di tutta la Bielorussia, svoltosi dal 6 al 7 dicembre 2010. “Vi chiedo seriamente di non rilassarvi. Non è difficile per ognuno di noi venire alle urne il 19 dicembre o il 18 dicembre per le elezioni anticipate. Si dice che le elezioni anticipate sono un male, ma noi non spingiamo a questo. La cosa principale è che uno venga a votare e dica la sua.” 

 

Presidente Lukašenka ribadisce necessità di riconsiderare pena di morte

Il problema dell’applicazione della pena di morte in Bielorussia va riconsiderato, ha detto il Presidente Aliaksandr Lukašenka intervenendo al Congresso popolare di tutta la Bielorussia il 6 dicembre 2010. Il Presidente ha sottolineato che ci sono tutti i presupposti per non applicare la pena capitale. Il tasso di criminalità, infatti, si è considerevolmente ridotto. Tuttavia, nel prendere una decisione finale sull’argomento si dovrà tener conto dell’opinione pubblica. Il riferimento è stato fatto al referendum del 1996, quando oltre l’80% del popolo bielorusso sostenne il mantenimento della pena capitale. Il Presidente ha inoltre sottolineato che coloro che criticano la Bielorussia sul tema della pena di morte usano due pesi e due misure, in quanto tale pena viene applicata anche in alcuni altri stati. Il Presidente ha aggiunto che la Bielorussia dovrebbe concentrarsi sull’umanizzazione del diritto penale e della legislazione in materia dei reati amministrativi. Il Presidente, comunque, ritiene che il processo dovrebbe essere completato in un anno o due.

 

Bielorussia, Kazakhstan e Russia fondano lo Spazio economico comune

Il 9 dicembre 2010 i presidenti bielorusso, kazako e russo – dei paesi membri dell’Unione doganale – hanno firmato tre accordi istitutivi dello Spazio economico comune: sul coordinamento della politica macroeconomica, sulla facilitazione dei flussi di capitali sui mercati finanziari e sui principi di coordinamento della politica monetaria. Così, quindi, è stato firmato l’intero pacchetto di 17 documenti dello Spazio Economico Comune. Il presidente bielorusso Aliaksandr Lukašenka ha assicurato i suoi interlocutori che la Bielorussia avrebbe ratificare tutti i documenti sulla formazione di spazio economico comune entro il 10 gennaio 2011. 

 

Bielorussia verso abolizione della registrazione di utenti degli internet caffé

Il Centro operativo analitico (authority nazionale nella materia di sicurezza del segmento bielorusso del web) ha trasmesso al Governo bielorusso una lettera con una proposta di abolire l’identificazione obbligatoria degli utenti di Internet-caffè in Bielorussia. Tale obbligo è stato introdotto ai sensi del DPR No.60 “Sulle misure per migliorare l’uso del segmento nazionale di Internet”, entrato in vigore il 1° luglio 2010, secondo cui tutti i clienti degli Internet caffè e computer club devono identificarsi prima di andare online. Questa misura ha avuto un impatto negativo, facendo diminuire la frequentazione degli Internet-caffè e computer club. In precedenza, un rappresentante del Centro ha definito la decisione “non troppo fortunata”. È importante ricordare che la questione è stata sollevata dal rappresentante OSCE per la libertà dei media Dunia Mijatovic durante una tavola rotonda sullo sviluppo di Internet in Bielorussia che ha avuto luogo a Minsk il 25 ottobre 2010. 

 

Sono in arrivo gli exit polls delle elezioni in Bielorussia

Secondo la Commissione centrale elettorale, tre organizzazioni hanno dichiarato la loro intenzione di tenere gli exit polls il giorno delle elezioni presidenziali in Bielorussia. Esse comprendono EcooM, il Comitato bielorusso delle organizzazioni giovanili e TNS (Ucraina). Attualmente nove servizi elettorali in Bielorussia hanno il diritto di condurre gli exit polls durante i referendum, elezioni presidenziali e parlamentari. Questi sono: l’Istituto di Sociologia dell’Accademia nazionale delle scienze della Bielorussia, il Centro di Informazione e Analisi presso l’Amministrazione del Presidente della Repubblica, l’Istituto Regionale di Studi Sociali e Politici di Mahilëŭ, il Laboratorio di Studi sociali applicati di Vicebsk, il Centro per ricerca sociologica e politica dell’Università statale bielorussa EcooM, il Comitato bielorusso delle organizzazioni giovanili, TNS e Socis (gli ultimi due sono ucraini). La licenza di tenere gli exit polls è concessa dalla Commissione per i sondaggi di opinione pubblica presso l’Accademia nazionale delle scienze della Bielorussia. A parere della Commissione, le organizzazioni di cui sopra sono sufficientemente competenti per svolgere i sondaggi ad alto livello. L’ottenimento della licenza è necessaria affinché nessun pseudo-sondaggista possa cercare di svelare i risultati degli exit polls che sarebbero stati svolti in modo errato o, talvolta, non sarebbero stati svolti affatto.Secondo la Commissione elettorale centrale, in futuro altri sondaggisti potrebbero richiedere l’ottenimento di licenze per tenere gli exit polls. 

 

Le dogane bielorusse si preparano a introdurre notifica preventiva UE

Secondo il Comitato statale delle Dogane bielorusso, il servizio doganale nazionale si sta preparando per l’introduzione dell’obbligo di notifica preventiva nell’ UE. Il 1 ° gennaio 2011, l’Unione europea metterà in vigore l’obbligo per gli operatori del trasporto di notificare i servizi doganali di importazione di merci agli Stati membri dell’UE. Tale obbligo si estenderà ai vettori dello Stato dell’Unione di Russia e Bielorussia e dell’Unione doganale della Bielorussia, Kazakistan e Russia. Quindi, al momento il lavoro è in corso per prepararsi all’introduzione della stessa. La notifica preliminare è finalizzata ad accelerare e facilitare per gli individui e le imprese la procedura di passaggio di frontiera.




Salva articolo su SalvaSiti.com!Figo: lo DIGO!Reddit!Del.icio.us!Google!Live!Technorati!Yahoo!
Prossimo >

 

Advertisement

 

Ricerca personalizzata