BelarusNews - Portale di Informazione sulla Bielorussia

www.BelarusNews.it

 

Preghiamo insieme per i bambini Bielorussi Stampa E-mail
Scritto da Alberto Fortunati   
Facebook!

Invito tutti quelli che credono ancora nel valore della preghiera a partecipare alle ore 24 di domenica 24 dicembre alla SANTA MESSA DI NATALE. Senza la minima intenzione polemica, dev'essere assolutamente chiaro, ma con l'unico scopo di pregare assieme a chi è legittimo rappresentante della Chiesa cristiana nella notte più SANTA. Sarebbe così bello se quella sera potessimo essere in tanti a pregare anche per i bambini bielorussi, NON NOSTRI, sarebbe così bello se anche don Danilo Grillo potesse pregare per tutti i bambini bielorussi, CHE NON SONO NOSTRI. Visto che non mi risulta ancora vietata la preghiera mi piacerebbe che qualcuno scegliesse di partecipare alla Messa nella Parrocchia di Santa Maria a Cogoleto (GE). NESSUNO DI NOI VUOLE CREARE CONFUSIONE, vogliamo solo pregare e pensare a quei bambini, tutti assieme nella Casa del Signore. Invitiamo chi volesse aderire a questa iniziativa a portare una candela per ricordare i bambini bielorussi, NON NOSTRI!!

 

(ANSA) - MANTOVA, 26 DIC - Siamo delusi dal comportamento di don Grillo, il parroco di Cogoleto, che non ha voluto leggere in chiesa la nostra preghiera a favore dei bambini bielorussi. Ad affermarlo è Alberto Fortunati, giornalista della Gazzetta di Mantova, che con la moglie Dalila, in rappresentanza delle 5 mila famiglie che quest'anno non hanno potuto trascorrere il Natale con i bimbi della Bielorussia per il blocco dei viaggi da parte del governo dell' ex repubblica sovietica dopo la vicenda della piccola Vika (tenuta nascosta per venti giorni da una famiglia del posto), ha partecipato alla messa di Natale nella chiesa di Santa Maria a Cogoleto, in provincia di Genova. I due coniugi mantovani avevano chiesto al parroco don Danilo Grillo di leggere, durante la preghiera dei fedeli, un messaggio di solidarietà per i bimbi bielorussi concordato con le associazioni che raccolgono le famiglie accoglienti. Il parroco si è rifiutato, scatenando la protesta delle famiglie accoglienti: chiedevamo solidarietà, nella notte più importante dell' anno, ad un ministro di Dio che tanta parte aveva avuto nella vicenda di Vika - dice Alberto Fortunati -. Ci rammarica il rifiuto del sacerdote di esprimere parole di conforto verso chi sta cercando solo di aiutare dei bambini ammalati. Fortunati aveva chiesto a don Grillo di leggere la preghiera dal pulpito ma, subito - racconta il giornalista -, ci ha detto che era troppo lunga, che l' avrebbe tagliata e che, comunque, ci avrebbe pensato lui a leggerla. Ci siamo fidati ma durante la preghiera nulla ha letto del nostro messaggio, limitandosi a rivolgere una preghiera per tutti i bambini del mondo che hanno bisogno di una famiglia. Una grande delusione. (ANSA).


(ANSA) - GENOVA, 26 DIC - Ho ritenuto che la notte di Natale non dovesse essere la serata della polemica: Don Danilo Grillo, parroco di Cogoleto, risponde così alle critiche a lui rivolte per non aver letto, durante la messa di Natale, la preghiera a favore dei bambini bielorussi. Mi sono quindi limitato - aggiunge il parroco di Cogoleto - a ricordare nell'omelia tutti i bambini che hanno bisogno di una famiglia, senza distinzioni. Il comportamento di Don Danilo è stato criticato oggi da Alberto Fortunati, giornalista della Gazzetta di Mantova, che con la moglie Dalila, in rappresentanza delle 5 mila famiglie che quest'anno non hanno potuto trascorrere il Natale con i bimbi della Bielorussia per il blocco dei viaggi da parte del governo dell'ex repubblica sovietica dopo la vicenda della piccola Vika (tenuta nascosta per venti giorni da una famiglia del posto), aveva partecipato alla messa di Natale nella chiesa di Santa Maria a Cogoleto, in provincia di Genova. (ANSA).

Queste le preghiere proposte:

"Oh Signore, noi siamo una delle 5000 famiglie che in questo Santo Natale si apprestavano ad accogliere i bambini della Bielorussia. Siamo nel dolore per non aver potuto ospitarli, ora la nostra speranza è riposta in te. Guarda con amore questi piccoli, regala loro un Natale comunque sereno nella consolazione di essere con i loro amici. Permetti che le telefonate, le piccole cose materiali che possiamo inviare possano lenire il bisogno di affetto e mantengano salto il legame umano che si è creato con noi. Fa che in loro prevalga la saggezza che è forza di chi ha tanto sofferto, attraverso la ricerca della gioia anche nelle cose semplici e nelle rinunce. Dona a queste creature la speranza di un futuro migliore, fatto di amore e sostegno concreto lungo il sentiero della vita. Per questo noi ti preghiamo.

Oh Signore, nei prossimi mesi i rapporti tra Italia e Bielorussia vivranno una fase delicata e decisiva. La nostra supplica, Signore, va a Te: illumina le menti di tutti i governanti che hanno nelle loro mani il futuro dei bambini, aiutali a superare la logica dell'egoismo e spalanca il loro cuore al bene. Signore, è un miracolo che ti chiediamo ma tu puoi: fai in modo che l'uomo usi le sue capacità di mediazione e di accordo per il vero bene dei bambini, perchè tutti quelli che hanno trovato una famiglia possano vivere con essa in maniera completa, per questo noi ti preghiamo.

Permettici, Signore, anche una preghiera per noi coppie sterili: ci hai fatto conoscere la realtà dell'accoglienza e ci hai fatto riflettere sulla realtà dell'adozione. Signore tu ci hai chiuso una porticina ma ci hai aperto un portone. Fa che possiamo dare un senso a questa grande sofferenza provocata dalla lontananza di questi bambini, spronaci all'impegno costante perchè la solidarietà tra i popoli possa prevalere per sempre. Perdonaci per la preghiera diretta, ma è il solo modo per invocarti: aiutaci a far arrivare presto questi bambini perchè il nostro amore è tanto e non sappiamo più come fare ad aspettare, per questo noi ti preghiamo."

La redazione del portale www.belarusnews.it NON era presente alla veglia di Natale a Cogoleto (GE), ma è rimasta colpita leggendo i ritagli riportati dall’agenzia ANSA (vedi sopra). Nei testi delle preghiere proposte dalle famiglie, non abbiamo trovato nessuna vena polemica e siamo rimasti un po’ delusi dalla banale motivazione data dal parroco don Danilo Grillo che NON ha permesso alle famiglie la condivisione.





Salva articolo su SalvaSiti.com!Figo: lo DIGO!Reddit!Del.icio.us!Google!Live!Technorati!Yahoo!
< Precedente   Prossimo >

 

Advertisement
Articoli più letti

 

Ricerca personalizzata