BelarusNews - Portale di Informazione sulla Bielorussia

www.BelarusNews.it

 

Lettera dell'AVIB Stampa E-mail
Scritto da Presidenza AVIB   
Facebook!

Alla Segreteria degli Affari del Presidente della Repubblica di Belarus e al Dipartimento degli Aiuti Umanitari della Repubblica di Belarus.

L’AVIB SI OPPONE  CON FORZA ALLA GRAVE BATTUTA D’ARRESTO NEI RAPPORTI DI SOLIDARIETA’ CON LA BELARUS E CHIEDE IL RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI DIALOGO E COLLABORAZIONE.

Siamo venuti a conoscenza, nella serata del 04 dicembre 2006, che il Ministero dell’Educazione bielorusso, nonostante gli accordi in via di ratifica, ha nuovamente ribadito la posizione contraria ai soggiorni invernali dei bambini bielorussi orfani sociali ospitati negli Internati e di quelli in affidamento temporaneo. Ciò accade nonostante tra il governo italiano, l’ambasciata di Belarus a Roma, e a quanto ci risulta, altre autorità nazionali  bielorusse si fosse pervenuti alla sostanziale condivisione di un  documento che riattiverebbe i soggiorni invernali per tutti i bambini, nessuno escluso, e un dialogo per il miglioramento della cooperazione in Bielorussia  nonché di impegno reciproco sulle adozioni. L’indisponibilità al dialogo dimostrata da Dirigenti del Ministero è gravissima e del tutto ingiustificata, a fronte di numerose garanzie di qualità e dalla grande stima che il nostro Volontariato raccoglie, in Italia ed in Belarus, verso tutti i bambini di quel da noi amato paese. Dividere i bambini, in questo momento, è un grave danno che risulta assolutamente inconcepibile alle Associazioni di Volontariato ed alle famiglie italiane. L’AVIB ribadisce con forza la propria opposizione a questo imprevisto e gravissimo episodio. Ricorda che eventuali lesioni alle regole dei soggiorni ricadono su responsabilità che sono sempre individuali e non hanno il carattere collettivo (sia da parte di famiglie italiane che di responsabili di Internat in Belarus) e non possono ricadere su tutti gli altri, la legislazione e la serietà delle famiglie italiane ha sempre garantito il rientro dei minori, inoltre le ulteriori garanzie richieste dall’ Ambasciatore Bielorusso in Italia, sono state tutte approvate dal Ministro della Solidarietà Sociale della Repubblica d’ Italia On. Ferrero che ha impegnato anche i Ministri della Famiglia On. Bindi  e quello della Giustizia On. Mastella. L’AVIB ricorda altresì la grande pazienza e disponibilità per migliorare i rapporti internazionali complessivi tra l’Italia e la Belarus, per i quali ci siamo fatti da anni importantissimo ponte di amicizia, nell’interesse di tutti i bambini bielorussi, qualsiasi sia la loro condizione. Non è più possibile tergiversare; ne va dei diritti di tutti bambini bielorussi, della dignità dell’Italia e del suo Volontariato, delle regole di relazione internazionali, del rispetto della cooperazione e delle sue grandi potenzialità. 

Pertanto l’AVIB chiede:

 

  • al Governo italiano un intervento immediato e urgente adeguato alla gravità del momento, perché si chiariscano all’interno della Belarus le responsabilità su tali decisioni e si ridia valore ai rapporti bilaterali finora  sviluppati in questa delicata fase sia verso le azioni di Solidarietà per tutti i bambini sia verso le più complessive relazioni internazionali con la Belarus;
  • al Governo bielorusso di riconoscere con un atto concreto l'alto valore che ha sempre attribuito al nostro impegno di solidarietà, svolto sia con i soggiorni di risanamento sanitario ma anche con l'intensa attività in Belarus con aiuti umanitari, sempre concordati con reciprocità e rispetto della cultura e della situazione del paese e non punire un unico atto di follia, chiediamo di rispondere quanto prima con atti ufficiali a voci e illazioni che creano altissimo disagio sia in Italia che nei villaggi e internati bielorussi che attendono la soluzione per un Natale sereno per tutti.

L’AVIB, pur garantendo di proseguire la propria opera di accoglienza e di sostegno verso i minori provenienti da famiglie e realtà in stato di bisogno, si trova nella necessità di impegnare le proprie Associazioni a sospendere da oggi qualsiasi aiuto di carattere umanitario e progetti di cooperazione che riguardino aspetti sociali, educativi e scolastici  dirette a scuole ed Internat, poiché i Dirigenti del Ministero dell’Educazione bielorussa, garanti di queste realtà, si sono accollati la responsabilità di tale gravissima decisone, si rendano conto degli effetti negativi che la loro pervicace opposizione creerà per i loro ragazzi e strutture, quando considerano gli italiani solamente soggetti da sfruttare senza reciproco rispetto. L’AVIB si riserva, inoltre, di promuovere nelle prossime ore altre manifestazioni di forte impatto nazionale e internazionale.

Il presidente AVIB - Antonio Bianchi





Salva articolo su SalvaSiti.com!Figo: lo DIGO!Reddit!Del.icio.us!Google!Live!Technorati!Yahoo!
< Precedente   Prossimo >

 

Advertisement
Articoli più letti

 

Ricerca personalizzata