BelarusNews - Portale di Informazione sulla Bielorussia

www.BelarusNews.it

 

Permettetemi di salutarVi Stampa E-mail
Scritto da Fabrizio Pacifici   
Facebook!
L’occasione delle “Vacanze-Lavoro” ed i Volontari in partenza per Porecie, Zabinka e Telekhani mi offrono la possibilità di fare il punto della situazione ed affermare, senza possibilità di smentita, che la Fondazione sta producendo il massimo sforzo per garantire e sviluppare tutte le attività oltre l’accoglienza, tese a costruire un reale recupero della popolazione infantile bielorussa ospite di internati o individuata in villaggi dove sta operando la nostra organizzazione. Voglio salutare tutti i Volontari delle “Vacanze Lavoro” che come ogni anno si rendono disponibili a trascorrere le proprie ferie nella Repubblica di Belarus in Internati dove preventivamente sono stati  individuati bisogni e carenze strutturali al fine di rendere più vivibili le condizioni di vita dei bambini accolti in tali strutture.
Non finirò mai di ringraziarVi per ciò che riuscirete a realizzare ma soprattutto per lo spirito che Vi accomuna e la voglia di sperimentare e costruire un nuovo modo di intendere il nostro vivere quotidiano. Qualcuno, in questi mesi difficilissimi per la riorganizzazione dell’accoglienza a seguito del nuovo accordo tra i rappresentanti del Governo Italiano e quello Bielorusso stipulato il 10/05/2007 ha affermato che bisogna smetterla di rifare bagni o cucine negli Internati senza porsi la domanda sul perché continuare ad aiutare uno Stato come quello di Belarus dove si continua a produrre disagio sociale e morire per gli effetti delle radiazioni del disastro nucleare di Cernobyl. A quel qualcuno la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” risponde con le azioni concrete come è abituato a fare chi non ama blaterare inutilmente ma in modo semplice e continuativo tenta a sperimentare  il “fare” che anteponendolo al “dire” ha prodotto in questi anni centinaia e centinaia di micro-interventi e che oggi possiamo, finalmente, far ricomprendere in una progettualità più complessiva che abbiamo chiamato “Scuola-Fabbrica”. Mercoledì 25 Luglio 2007 abbiamo firmato l’accordo con i responsabili dell’Ufficio di Presidenza e del Dipartimento Aiuti Umanitari della Repubblica di Belarus che permetterà alla Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” di realizzare in ogni Regione dello Stato bielorusso una “Scuola-Fabbrica” così come è stato sperimentato a Senno e Cernitsy nella Regione di Vitebsk. L’accordo prevede, inoltre, la realizzazione di una Casa-famiglia nella Regione di Minsk con caratteristiche e composizione gestionale dettate dalle norme dell’Unione Europea. Nel salutarVi e ringraziarVi per il prezioso lavoro che andrete a svolgere a Porecie, Telekhani e Zabinka posso soltanto dirVi che dovete sentirVi orgogliosi di “ESSERE Fondazione”  perché è soltanto attraverso il Vostro contributo lavorativo gratuito e permanente che siamo riusciti ad arrivare ad un accordo con il Governo biuelorusso che prende atto dei cambiamenti reali ottenuti a Senno e Cernitsy e soprattutto che offrono alle famiglie italiane ospitanti la possibilità di non sentirsi inutili di fronte al continuo disagio della popolazione infantile bielorussa. Il fatto di essere riusciti a mettere a sistema azioni diverse tra loro come l’invio di aiuti umanitari (Tir della Speranza), lavori di rifacimento strutture ospitanti (Vacanze Lavoro) e interventi sanitari (Mucoviscidosi) con il Progetto di cooperazione socio-educativo-formativo (Scuola Fabbrica) renderà possibile la sperimentazione nella Regione di Vitebsk, e poi in tutte le altre, varie azioni necessarie ad interrompere il ciclo virtuoso del disagio sociale che ogni anno determina l’inserimento in strutture protette di circa 5000 bambini e cioè l’attività di accompagnamento al lavoro di ragazzi che usciranno dagli Internati con apposita equipe professionale che li seguirà e produrrà convenzioni con le realtà produttive presenti attivando borse lavoro e predisponendo azioni di supporto per quei ragazzi che continueranno negli studi all’Università o inserimenti in formazione professionale specialistici. Ai nostri Volontari delle Vacanze Lavoro, alle nostre famiglie ospitanti, ai nostri Presidenti di Comitato la “Aiutiamoli a Vivere” offre e continuerà ad offrire una “speranza” che quotidianamente viene costruita con il lavoro e la realizzazione degli obiettivi individuati per finalizzare l’impegno di “tutti” a favore della popolazione infantile bielorussa. Alle famiglie possiamo dire di continuare a sostenere la nostra azione perché  nulla e nessuno ci impedirà di lavorare  con coscienza e rispetto per tutti quei bambini che abbiamo conosciuto in Italia e tutti quelli che costantemente vediamo in difficoltà senza conoscere. La nostra speranza non sarà mai utopia fin quando al nostro fianco ci saranno persone come Voi, è questo il vero carburante della nostra  macchina organizzativa e fin quando ci sarete Voi ad alimentare questa “speranza” nessuno potrà interrompere questo cammino fatto di piccoli gesti e piccoli passi verso una concreta solidarietà. Grazie per “ESSERE Fondazione” e Buon lavoro, che Dio ve ne renda merito.




Salva articolo su SalvaSiti.com!Figo: lo DIGO!Reddit!Del.icio.us!Google!Live!Technorati!Yahoo!
< Precedente   Prossimo >

 

Advertisement
Articoli più letti

 

Ricerca personalizzata